Contatti

Tel. 050 929645
Email Ufficio Sanzioni


Multe Online

Per rateizzare il pagamento

RATEIZZAZIONE DELLE SANZIONI PECUNIARIE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA ACCERTATE DALLA POLIZIA PROVINCIALE DI PISA

La rateizzazione delle sanzioni pecuniarie per violazione al Codice della Strada è regolamentata dall'art. 202 bis del D. Lgs. 285/92 (C.d.S.) e dal Decreto del Presidente della Provincia di Pisa n. 107 del 7/8/2015.

L'istanza dovrà essere presentata entro 30 giorni dalla notifica del verbale di violazione, termine decadenziale oltre il quale l'Amministrazione ne dichiarerà l'IMPROCEDIBILITÀ e il soggetto dovrà pagare la sanzione nei termini e negli importi di cui al precedente verbale notificato. La presentazione dell'istanza implica la rinuncia ad avvalersi della facoltà di ricorrere al Prefetto o al Giudice di Pace (artt. 203 e 204 bis del C.d.S.).

I criteri per la concessione della rateizzazione sono:

  1. l'istanza potrà essere presentata solo da soggetti debitori, persone fisiche, tenuti al pagamento in presenza di comprovate condizioni economiche disagiate.
    Titolati a richiederla sono pertanto:
    • l'intestatario del veicolo;
    • il trasgressore;
    • altra persona debitamente delegata da una delle due figure sopra citate, nel qual caso la rateizzazione sarà comunque intestata al delegante.
    Poiché i soggetti diversi da quelli sopra richiamati non hanno la facoltà di agire, l'istanza non può essere accolta e quindi la di rateizzazione sarà oggetto di formale provvedimento di RIGETTO.
  2. la rateizzazione potrà essere richiesta solo per singoli verbali di importo superiore ad €. 200,00 ciascuno. Per importi inferiori l'istanza sarà RIGETTATA.
  3. potrà avvalersi della facoltà di chiedere la rateizzazione chi è titolare di un reddito imponibile ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore ad €. 10.628,16. Se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l'istante, ed il limite di reddito precedente è elevato di €. 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi. Se i suddetti requisiti non sussistono l'istanza sarà RIGETTATA.
  4. La richiesta di rateizzazione può essere accolta solo dopo che siano state integrate nell'importo oggetto di ratizzazione tutte le partite pregresse insolute e che siano state corrisposte le eventuali partite relative all'annualità in corso scadute e non accolte.
  5. il richiedente non dovrà risultare moroso relativamente a precedenti rateizzazioni e/o dilazioni di pagamento concesse dalla Provincia di Pisa e non risultare inadempiente per debiti nei confronti della stessa, pena il RIGETTO dell'istanza medesima.

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL'ISTANZA

L'istanza di rateizzazione, vedi modello fac-simile istanza di rateizzazione (pubblicato a fondo pagina) indirizzata al Presidente della Provincia di Pisa, dovrà essere inviata secondo una delle seguenti modalità:

  • a mezzo raccomandata A.R. (farà fede il timbro dell'ufficio postale accettante);
  • via mail all'indirizzo : infosanzioni@provincia.pisa.it
  • via Posta Elettronica Certificata (PEC) all'indirizzo: sanzioniautovelox@provpisa.pcertificata.it;
  • consegnata a mano presso: Provincia di Pisa Ufficio Entrate e Concessioni - Galleria Gerace n. 14 nei seguenti orari di apertura: Martedì 9.00 - 12,00 e 15:00 - 17:00, Mercoledì e Venerdì 9,00 - 12,00.
L'istanza dovrà essere presentata entro 30 giorni dalla data di notificazione della violazione, utilizzando preferibilmente il modello appositamente predisposto e pubblicato a fondo pagina. L'istanza potrà essere accolta anche in qualsiasi altra forma ma dovrà avere gli stessi contenuti indicati nel modello predisposto. All'istanza dovrà essere ALLEGATA la seguente documentazione:
  • documento di identità del sottoscrittore in corso di validità;
  • delega - eventuale - (vedi modello fac-simile - delega- pubblicato) debitamente sottoscritta e accompagnata dal documento di identità del delegante e del delegato;
  • la documentazione attestante il reddito imponibile ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, risultante dall'ultima dichiarazione dell'istante (inferiore ad €. 10.628,16). Se l'interessato convive con il coniuge o con altri familiari, dovrà essere prodotta la documentazione relativa ai redditi percepiti anche dai componenti il nucleo familiare, poiché il reddito a cui fare riferimento per la concessione o meno della rateizzazione sarà costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l'istante, ed il limite di €. 10.628,16 sarà aumentato di €. 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi. A tale ultimo fine, a comprova della composizione del nucleo familiare, dovrà essere ALLEGATO lo stato di famiglia rilasciato dal Comune di residenza.
La non corretta o parziale compilazione dell'istanza e/o la mancanza o irregolarità della documentazione richiesta a corredo motiva e comporta il RIGETTO dell'istanza. La Provincia si riserva comunque la facoltà di richiedere al richiedente l'implementazione della documentazione con raccomandata AR o altra modalità prevista dalle disposizioni legislative vigenti. In tal caso i termini si interrompono fino al ricevimento di quanto richiesto.

Sulla base delle condizioni economiche del richiedente, dell'entità della somma da pagare e della richiesta effettuata, l'ufficio competente a decidere, disporrà la ripartizione del pagamento come segue:
  • fino ad un massimo di 12 rate se l'importo dovuto non supera &Euro;. 2.000,00;
  • fino ad un massimo di 24 rate se l'importo non supera &Euro;. 5.000,00;
  • fino ad un massimo di 60 rate se l'importo dovuto supera &Euro;. 5.000,00.
Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato, si applicheranno gli interessi al tasso previsto dall'art. 21, primo comma, del D.P.R. n. 602/73 sue modifiche ed integrazioni.

L'importo di ciascuna rata non potrà essere inferiore ad &Euro;. 100,00. I ratei potranno essere pagati alle scadenze indicate nell'atto amministrativo che accoglie l'istanza di rateizzazione ex art. 202 bis C.d.S. come segue:
  • con accredito sul conto corrente bancario intestato a Provincia di Pisa Incasso sanzioni CDS aperto presso la Banca di Pisa e Fornacette - Credito Cooperativo - IBAN IT91Y0856270910000011777216 (C/C 11777216) specificando nella causale il numero del verbale notificato ed il numero della rata pagata;
  • con accredito sul conto corrente postale n. 84391242 intestato a Provincia di Pisa. Incasso Violazione codice della strada - IBAN IT96K0760114000000084391242 (C/C 84391242) specificando nella causale il numero del verbale ed il numero della rata pagata.
Entro 90 giorni dalla presentazione dell'istanza la Provincia di Pisa adotterà il provvedimento di accoglimento o di rigetto della richiesta.
Decorso il termine di cui al periodo precedente l'istanza si intenderà respinta anche in assenza di un diniego esplicito.
L'accoglimento dell'istanza, il rigetto o la decorrenza del termine di cui al precedente periodo saranno notificati all'interessato secondo le modalità di cui all'art. 201 del C.d.S.
In caso di accoglimento dell'istanza, verrà comunicato il piano di rateizzazione. In caso di mancato pagamento della prima rata o successivamente di due rate, anche non consecutive, il debitore decadrà automaticamente dal beneficio della rateizzazione. Si applicheranno le disposizioni di cui all'art. 203, comma 3 del C.d.S., in forza del quale il verbale costituirà titolo esecutivo per una somma pari alla metà del massimo della sanzione edittale e per le spese di accertamento e notifica, somma dalla quale saranno decurtati gli importi eventualmente già versati a titolo di rate.
In caso di rigetto dell'istanza, il pagamento della sanzione pecuniaria nella misura indicata nel verbale deve avvenire entro 30 giorni dalla notificazione del relativo provvedimento ovvero dalla notificazione della comunicazione della decorrenza del termine di novanta giorni dalla presentazione dell'istanza e degli effetti connessi al rigetto della stessa.
Avverso il provvedimento di rigetto è ammesso RICORSO al Giudice di Pace competente per territorio entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento di rigetto (Circolare Min. Interno - Dip. Per gli affari interni e territoriali del 22/04/2011 n. 0006535).
Nell'ambito del procedimento, l'Ufficio provinciale competente, effettuerà o farà effettuare, in base ai criteri fissati dal Responsabile del Procedimento, le opportune verifiche sulle autocertificazioni e/o dichiarazioni presentate dagli istanti per dimostrare le condizioni di particolare disagio economico a fondamento della richiesta di ripartizione del pagamento in rate mensili ex art. 202 bis C.d.S. in quanto - a citazione dell'art. 21 della L. 241/90 - in caso di dichiarazioni mendaci o false attestazioni non è ammessa la conformazione dell'attività e dei suoi effetti o la sanatoria prevista dagli articoli medesimi ed il dichiarante è punito con la sanzione prevista dall'art. 483 del Codice Penale, salvo che il fatto costituisca più grave reato. Per quanto sopra la firma dell'interessato apposta è autenticata allegando all'istanza una fotocopia fronteretro di un documento di identità in corso di validità che comprovi l'identità certa del dichiarante.

INFORMAZIONI

Per ogni ulteriore informazione o richiesta di chiarimento, l'interessato potrà rivolgersi, in orario di apertura al pubblico, all'Ufficio Front-Office della Provincia di Pisa, Galleria Gerace n. 14 - Pisa piano quinto, nei seguenti orari di apertura al pubblico: Martedi 9.00 - 12,00 e 15:00 - 17:00, mercoledì e venerdì 9,00 - 12,00 oppure per mail al seguente indirizzo infosanzioni@provincia.pisa.it, oppure telefonando al n. 050929645.